meditazione

Come cominciare la meditazione?

Gennaio 23rd, 2019 Posted by Notizie 0 thoughts on “Come cominciare la meditazione?”

Il primo stadio della meditazione è quello del fermare le distrazioni e rendere la nostra mente più chiara e lucida. Questo può essere ottenuto praticando una semplice meditazione sul respiro. Scegliamo un posto tranquillo e sediamoci in una posizione comoda.

La cosa più importante è tenere la schiena dritta (ma non rigida) per evitare che la nostra mente risponda con pigrizia o sonnolenza.

Sediamoci con gli occhi parzialmente chiusi e rivolgiamo la nostra attenzione al respiro. Respiriamo naturalmente, attraverso le narici, senza tentare di controllare il nostro respiro e cerchiamo di diventare consapevoli della sensazione che ci dà l’aria mentre entra e lascia le narici. Questa sensazione è l’oggetto della meditazione. Dovremmo cercare di concentrarci su di essa con l’esclusione di tutto il resto.

All’inizio la nostra mente ci apparirà attraversata da molteplici pensieri e potremmo ritenere che la meditazione la stia rendendo più impegnata, ma in realtà stiamo solo diventando più consapevoli di quanto sia effettivamente occupata. Dovremmo resistere alla tentazione di seguire i diversi pensieri mentre sorgono e dovremmo cercare di rimanere concentrati solo sulla sensazione del respiro. Se scopriamo che la nostra mente ha vagato e sta seguendo i pensieri, dovremmo immediatamente riportarla sulla sensazione del respiro. Dovremmo ripetere ciò tutte le volte che sarà necessario finché la mente non si sarà stabilizzata proprio sul respiro.

Se continuiamo pazientemente in questo modo, gradualmente i nostri pensieri distraenti si placheranno e sperimenteremo un senso di pace interiore e rilassamento. La nostra mente diventerà lucida e spaziosa, e ci sentiremo riposati. Infatti, quando il flusso incessante dei pensieri che si calma concentrandosi sul respiro, la nostra mente diventa insolitamente lucida e chiara. Dovremmo rimanere in questo stato di calma mentale per un po’ di tempo.

Anche se la meditazione sul respiro è solo una fase preliminare della pratica meditativa, può essere piuttosto potente. In effetti, possiamo con essa renderci conto che è possibile sperimentare pace interiore e la contentezza semplicemente controllando la mente, senza dover dipendere affatto dalle condizioni esterne.

Quando la turbolenza dei pensieri distraenti si placa e la nostra mente si ferma, un senso di pace e serenità nascono in modo naturale dal nostro interno. Queste sensazioni di contentezza e benessere ci aiuteranno ad affrontare gli impegni e le difficoltà della vita quotidiana. Gran parte dello stress e della tensione che normalmente sperimentiamo proviene dal nostro modo di percepire le difficoltà e dunque dalla nostra mente, e molti dei problemi che riscontriamo (malattie incluse) sono causati o aggravati da questo stato di stress.

Semplicemente facendo meditazione sul respiro per dieci o quindici minuti ogni giorno saremo appunto in grado di ridurre lo stress. Le situazioni difficili diventeranno più facili da affrontare, ci sentiremo naturalmente calorosi e ben disposti verso gli altri, e le nostre relazioni con gli altri gradualmente miglioreranno.

 

Adattato da “Il nuovo manuale della meditazione”, di Geshe Kelsang Gyatso

 

Tags: